Home
...e finalmente eccoci on line

{jcomments off}  


 

luigi grazioli

 

 

Settembre 2010

 

 

Per una volta partirei dal fondo. Senza inutili equilibrismi o vorticosi capogiri. Inizierei dalla fine.

Dai ringraziamenti.

Dalle persone che con le loro idee e con ore ed ore di lavoro hanno concretizzato un desiderio che da tempo io ed i miei collaboratori avvertivamo. Uno spazio per la 1° Radiologia degli Spedali Civili nell’infinito universo di internet.

 

Un grazie sentito quindi all’autentico web master, dott. Ugo Marini, apprezzato radiologo interventista dell’Ospedale Maggiore di Cremona, che da anni coniuga con tangibile successo la passione per la Rete alla mission radiologica.

 Al nostro dott. GianCarlo Mazza, il cui impulso realizzativo l’ha portato ad essere ispiratore e curatore di questa nostra identità virtuale.

A Salvatore Glamazonia® (che, come tutti gli artisti, con un nickname merita d’esser conosciuto), che ha vergato lassù in cima quel “1° Radiologia”.  

Alla nostra Elena Poletti, tecnica TC, la quale pazientemente ha raccolto e messo a disposizione come in una carta dei servizi tutte le informazioni utili del reparto.

E poi a tutto il personale della mia Unità, che è stato e sarà in grado di produrre quel materiale che costituirà il fondamentale contenuto di un contenitore oggi ben strutturato.

 

Il contenuto, appunto. Volevamo un sito internet che ci potesse avvicinare ancor più alle persone, alle loro esigenze, alle loro curiosità. Un’interfaccia maneggevole e moderna. Soprattutto, e potrebbe apparire quasi un’ossimoro: sottile ma allo stesso tempo completa.

 

Il vivo auspicio odierno della pratica terapeutica della medicina, maggiormente in ambito oncologico, è quello di prendersi cura del paziente (“to care”) e non solo di curare il paziente (“to cure”). E’ questa la direzione che anche una moderna Diagnostica per Immagini dovrebbe intraprendere. Non un asettico referto, magari zeppo di incomprensibili tecnicismi, ma una diagnosi cucita sulla persona, sulla sua storia clinica e sul suo presente: interpretazioni speculative, ipotesi ragionate, diagnosi appropriate. Una vera opera di counselling diagnostico. Ma ciò necessita imprenscindibilmente di due pilastri portanti: una competenza aggiornata ed una aderente vicinanza ai pazienti. Un importante tassello a questa seconda lo poniamo oggi aprendo questo aggiuntivo canale di comunicazione web.

Abbiamo voluto perciò un’ampia sezione dedicata agli utenti ed ai contatti. Parlateci. Diteci. Non vuole essere un cahier de doléances, ma semplicemente un notes dove appuntare quesiti, suggerimenti, proposte.

È stata poi sviluppata una seconda grande area “di navigazione” dedicata più specificatamente a colleghi medici radiologi e non, comprendente materiale didattico ed informativo, casi clinici, immagini, relazioni, corsi etc; il costante arricchimento di tale sezione diviene peraltro uno dei miei obiettivi personali.

 

Ebbene, la struttura c’è ed è, credo, appetibile e stimolante. Sono assai lieto di presentarvela.

Nella speranza che ognuno possa trovarvi una risposta adeguata alle proprie aspettative, auguro a tutti quanti una piacevole visita al nostro sito.

 

 

Il Direttore

Dott. Luigi Grazioli